G.D.O.

La grande distribuzione organizzata (GDO) è stata uno dei primi settori ad utilizzare la tecnologia RFId per la gestione delle merci. Walmart in America e Metro in Europa sono i grandi precursori in questo ambito.

L’RFid, come naturale evoluzione tecnologica del codice a barre, trova diversi ambiti di applicazione, quali:

  • Gestione dei processi dell’intera supply chain (aumento dell’accuratezza dei processi, gestione delle scorte, efficientamento nelle operazioni di inventario, processi AS IS nel centro distribuzione, picking e packing, spedizioni);
  • Tracciabilità dei prodotti, dalla produzione alla consegna presso il punto vendita;
  • Gestione e controllo degli asset logistici (pallets, casse e cassette, banchi frigo, roll container.. );
  • Monitoraggio della catena del freddo (fondamentale per i prodotti  alimentari altamente deperibili);
  • Monitoraggio delle vendite e riduzione dell’Out-Of-Stock, vale a dire la mancanza di un determinato prodotto a scaffale nel momento in cui il cliente lo vuole acquistare, che comporta annualmente perdite per miliardi di € per gli attori coinvolti;
  • Anticontraffazione e Antitaccheggio (sempre più interesse viene mostrato nei confronti dell’anticontraffazione che annualmente causa mancati guadagni per miliardi di €);

Pur essendo stato il primo settore a sperimentarne i benefici, la GDO è anche quello che vedrà, in un secondo tempo rispetto ad altri, l’utilizzo massivo della tecnologia in tutti i suoi processi, a causa del costo della tecnologia RFId, ed in particolare il costo del TAG, che in rapporto al valore del bene è stato, fino ad ora, un freno per l’introduzione su larga scala.
Nonostante questo, negli ultimi anni sono aumentati i progetti pilota da parte di grandi marchi del settore quali Auchan, Nestlé, Kraft, Conad interessati a sperimentare l’aumento di efficienza dovuto alla tecnologia, in uno o più campi di applicazione sopra elencati.

Attualmente l’RFId viene principalmente utilizzata per il tracciamento dei pallet o delle confezioni multiple, vale a dire nella movimentazione dei colli, nella loro ricezione e nella gestione efficiente del magazzino.
Solamente in pochi casi la tecnologia è stata impiegata all’interno dei punti vendita, principalmente in applicazioni di antitaccheggio su beni di un certo valore.
Nonostante la lentezza iniziale, il settore resta uno dei più promettenti per il prossimo futuro, grazie anche al diminuire dei costi dei TAG e delle etichette.

Eximia ha, in questo momento, diversi progetti attivi con operatori nazionali della GDO, negli ambiti sopra citati, in particolar modo nella ricezione delle merci, nella gestione del magazzino o nei processi di ventilazione.
Qui Eximia ha potuto verificare l’efficacia della propria piattaforma eagle, studiata per  la gestione innovativa ed automatizzata della logistica della supply chain e del controllo di processo produttivo tramite la tecnologia RFId, che si è dimostrata efficace e versatile anche nei processi di integrazione con le più moderne piattaforme gestionali, già presenti in queste realtà.
Inoltre Eximia, con alcuni operatori nazionali del settore, sta sperimentando l’utilizzo dei sistemi di localizzazione in tempo reale (RTL) sfruttando la piattaforma meerkat, per la gestione delle flotte di automezzi nei piazzali di carico e a ridosso delle baie dei magazzini. La tecnologia di localizzazione si è dimostrata uno strumento efficace per la riduzione degli errori di carico e scarico, dei singoli automezzi situati presso gli enormi spazi logistici di questi operatori.

Benefici della tecnologia RFId nella GDO

  • Riduzione dei costi del lavoro minimizzando la necessità di effettuare controlli manuali o letture puntuali come invece è necessario fare tramite barcode;
  • Riduzione  dei resi in quanto le consegne sono molto più accurate;
  • Riduzione dei tempi di inventario, aumentando la consistenza dei dati e incrementando le modalità di presidio e di controllo;
  • Sensibile diminuzione della quantità di merce persa, inevasa o ferma a magazzino e quindi destinata all’obsolescenza;

Comments are closed.